MePRINT

SCARICARE IMMAGINI DA GOOGLE – Non lo dire mai al grafico #1

La scelta delle immagini per un progetto grafico è ovviamente di importanza basilare.

Non soltanto per la riuscita ottimale del progetto stesso, ma anche perché la questione “scelta immagini” potrebbe avere delle ripercussioni non indifferenti sullo stato d’animo e la salute mentale del grafico che vi sta seguendo il progetto 🙃.

Una esternazione sempreverde che – ad esempio – ha sterminato, nel tempo, una copiosa quantità di grafici e creativi è la richiesta di scaricare immagini da Google.

In questo articolo cerchiamo di spiegarvi perché “scaricare le immagini da Google” può non essere sempre una buona idea.

QUALITA’ DELLE IMMAGINI SCARICATE DAL WEB

Innanzi tutto una immagine scaricata “selvaggiamente” dal web può presentare spesso una qualità molto bassa o comunque non sufficiente per essere inserita all’interno di un progetto grafico professionale.

E non sempre il grafico la può “migliorare”, anche per una questione di ottimizzazione di tempi (e quindi di costi).

Spesso, infatti, è preferibile spendere tempo a cercare belle immagini professionali su siti che le vendono o, addirittura, a farle direttamente, piuttosto che cercare di “migliorare” una foto che già in partenza è di scarsa qualità e l’ottimizzazione, per quanto dettagliata e fatta bene, non potrà mai renderla di ottima qualità professionale.

COPYRIGHT SULLE IMMAGINI CHE SI TROVANO SUL WEB

Un altro elemento di fondamentale importanza da considerare quando proponiamo al nostro grafico di fiducia di scaricare le immagini da Google, è che quelle immagini si trovano su internet perché “qualcuno” ce le ha messe e questo qualcuno – con ogni probabilità – ne è anche l’autore.

A questo punto, l’espressione “diritto d’autore” vi dice qualcosa?

Sicuramente è una espressione che vi risuona ma forse non conoscete in dettaglio come la legge disciplina questo diritto.

Il diritto d’autore si compone a sua volta di altri due diritti:  il diritto di paternità e il diritto di utilizzazione economica. Il primo è il diritto morale dell’autore di essere riconosciuto come creatore della foto; il secondo è un diritto materiale di poter vendere, cedere, regalare, licenziare il diritto di sfruttamento dell’opera a terzi.

Sappiate che tutte le immagini che trovate in rete sono protette da diritto d’autore, quindi – come minimo – per scaricarle da internet al fine di riutilizzarle per i propri scopi, andrebbe chiesto il permesso all’autore della foto.

IMMAGINI CREATIVE COMMONS

Con l’avvento di Internet ha preso piede in modo massiccio l’utilizzo delle cosiddette licenze creative commons (CC): un tipo di licenza volta a tutelare i creativi e a semplificare la vita rispetto, appunto, alla disciplina del diritto d’autore, a coloro i quali vogliano utilizzare le opere dell’altrui ingegno.

Questo tipo di licenza è nata, infatti, per far sì che le opere d’ingegno possano essere pubblicate e condivise senza necessità di negoziazioni dirette fra autore e licenziatario.

Il fatto che un’opera sia sotto licenza CC non significa però che sia riutilizzabile o modificabile in maniera incondizionata. Esistono infatti diverse tipologie di licenze CC, ognuna delle quali permette di copiare, distribuire o mostrare le foto secondo i vincoli imposti dall’autore.

Noi speriamo di avervi chiarito un po’ le idee sull’argomento “scaricare immagini da Google”, sappiate che sul sito creative commons potete approfondire questo aspetto.

Lascia un commento