Blog Esposizione

10 consigli per uno stand fieristico di successo

“L’estate sta finendo” recitava una vecchia canzone degli anni ’80, e per molte aziende, agenzie ed esperti di comunicazione significa anche ricominciare a pensare ad eventi, fiere e manifestazioni.

Magari vi starete scervellando sulle soluzioni originali e creative da adottare per il vostro stand o quello del vostro cliente, di come catturare l’attenzione dei visitatori per trasformali poi in potenziali clienti, e di quella che deve essere la soluzione tecnica e grafica del vostro progetto. Spesso, tuttavia, l’errore che capita di fare è quello di perdere di vista cose molto semplici che in realtà sono tutt’altro che trascurabili ed influiscono molto sulla riuscita di un evento.

Ecco 10 semplici consigli per presentarsi nel modo migliore all’evento e non trascurare nessun aspetto.

1 Scegli la posizione migliore

Anche se non avete a disposizione un budget da svariati migliaia di euro per uno stand di grande dimensioni, la posizione del vostro spazio espositivo può essere determinante.

Nelle piantine dell’organizzazione si possono vedere dove sono gli stand più grandi che presumibilmente richiameranno più pubblico; spesso si conosce il nome dell’allestitore, per cui avere uno spazio accanto ad un’azienda big è una bella garanzia di visibilità.

Cercate di capire se ci sono servizi nei dintorni che possono attirare visitatori, ma state attenti: non è detto che lo stand accanto al bar attiri più persone, anzi in questo caso può essere un elemento di disturbo e forse vale la pena considerare una posizione meno esposta.

2 Come si muovono le persone

Ma vi siete mai chiesti come si muovono le persone all’interno della fiera o nel corridoio davanti al vostro stand?

Non è indifferente che il flusso vada in una direzione o in un’altra, anche per l’eventuale allestimento di display o desk informativi.

Cercate anche qui di capirlo perchè un posizionamento sbagliato di un video o di uno strumento di comunicazione può far perdere efficacia a quello che volete far vedere.

3 Occhio alla fase burocratica!

Prima di allestire il vostro stand c’è tutta una parte burocrativa da espletare…tutt’altro che trascurabile!

Soprattutto se il vostro stand si trova all’estero la cosa diventa complicata, certo le società specializzate in allestimenti fieristici sono lì appositamente per questo, ma se decidete di fare tutto da soli la cosa si complica.

State molto attenti a compilare tutti i documenti e le varie richieste dei servizi (luce, connessione, acqua, ecc.) per evitare di ritrovarvi con una presa elettrica per tutti i servizi o senza collegamento internet!

4 Il mio spazio ha tutto quello che mi serve?

Ho scelto la posizione migliore e ho individuato lo spazio che mi serve, ma hai pensato che ti può servire un piccolo magazzino? o una sala riunioni?

Tenete tutto bene in considerazione prima di partecipare ad un evento, è facile ritrovarsi in difficoltà per questi motivi ed ammassare cose o indumenti in qualche angolo a vista del vostro stand.

Peggio ancora sarebbe incontrare e trattare con un importante cliente in un improbabile sgabello scomodo che vi ha fornito l’allestitore, circondato da curiosi che si aggirano nei paraggi.

5 Benvenuti al nostro stand

Siamo già in fiera e finalmente ci sono già diversi visitatori che chiedono informazioni: ma avete pensato bene con chi stanno parlando?

Se da un lato è bene evitare che la bella ed educata hostess di turno fornisca informazioni troppo tecniche su un prodotto che nemmeno conosce, dall’altro lato è quantomeno discutibile che sia l’amministratore delegato o il responsabile marketing ad accogliere le persone al desk sul corridoio.

Forse vale la pena distinguere tra chi si deve occupare della prima accoglienza e del primo contatto e chi dovrà fornire informazioni più tecniche e dettagliate, oppure dovrà parlare con un potenziale cliente.

6 Fai vedere i tuoi prodotti

Nel momento che decidiamo di essere presenti ad un evento, facciamo vedere quello che facciamo!

Non affidiamoci solamente a materiali pubblicitari o interattivi, ma portiamo in fiera i nostri prodotti e facciamo vedere quello di cui siamo capaci.

Anche i campioni sono un’ottima idea per dare concretezza ai nostri prodotti.

Certo sarà più difficile per chi fa consulenza o offre servizi immateriali, ma è comunque possibile pensare a qualcosa di evocativo che richiama sempre l’attenzione.

7 Obiettivo: contatti

Non dimenticate mai il vero obiettivo della vostra presenza all’evento: creare contatti.

Avere il riferimento di nuovi potenziali clienti piuttosto che far conoscere la vostra attività ai numerosi visitatori, l’importante è che dall’incontro si crei un’interazione che generi poi un follow up.

Pensate anche al tipo di azione che volete attivare, se un contatto per mail piuttosto che una visita al vostro sito web, e non dimenticate di preparare flyer, pieghevoli e biglietti da visita da lasciare al vostro contatto.

8 Il gadget perfetto

Un gadget originale, utile e poco costoso da lasciare a tutti i possibili contatti: mission impossible?

Non lo sappiamo, di certo non è facile considerando che in fiera anche i nostri concorrenti o aziende del settore faranno altrettanto, e se il budget a disposizione è limitato diventa piuttosto difficile emergere o trovare qualcosa di “ambìto”.  Non è detto però, perchè le penne non sono tutte uguali, piuttosto impegnatevi a ricercare un prodotto originale e un po’ meno economico per evitare che sia messo subito nel cassetto.

In ogni caso non disperate: date sfogo alla vostra creatività! Si possono realizzare ottime cose anche con risorse limitate.

9 Prendili per la gola

Forse sarà un problema portarvi dietro una bella coscia di prosciutto o offrire un aperitivo sfizioso, ma perchè non prendere per la gola il vostro visitatore?

Una caramella non ingolosisce, ma un lecca lecca di una nota marca potrebbe avere già un effetto diverso.

Non dimenticate però che questo può essere fine a sè stesso se il visitatore saluta e se ne va, per cui usate questo mezzo con cautela.

10 Riutilizza le tue strutture

Una parete Pop Up

Una parete Pop Up

Se stai cercando di capire come personalizzare il tuo stand fieristico ti sarai posto il problema se utilizzare la personalizzazione messa a disposizione dell’organizzatore, se rivolgerti a una società specializzata in allestimenti oppure se utilizzare delle strutture trasportabili.

L’ultima opzione è sicuramente quella più interessante se non si dispongono di budget particolarmente elevati, anche per la possibilità di riutilizzare questi strumenti.
Le alternative a disposizione sono molteplici e il loro utilizzo combinato è molto interessante per configurare uno stand di successo.

Un roll up bifacciale

Un roll up bifacciale

Si può pensare di utilizzare uno o più Roll up (a proposito, scopri come progettarlo…), espositori avvolgibili, disponibili sia in versioni classiche economiche, più rifinite oppure bifacciali con una doppia visibilità; ne esistono anche versioni large che diventano delle vere e proprie pareti mobili. Se cercate qualcosa di diverso potete scegliere anche versioni senza avvolgitore, come gli L-banner.

Molto interessanti sono anche le strutture POP UP, facilmente installabili e trasportabili, con una grafica realizzata su un tessuto molto elegante e rifinito alla vista.

C’è bisogno di un tavolino o di un desk per completare lo stand? Nessun problema, ci sono strutture specifiche anch’esse completamente personalizzabili e richiudibili.

E perchè non pensare a un totem in cartone o polionda per completare il tutto? Economico, personalizzabile ed estremamente efficace.

Lascia un commento